martedì 3 febbraio 2009

COMINCIAMO BENE, MA ANCHE MALE


Mark McKinnon non è un tipo qualunque.
Ex cantautore country-rock, poi esperto di comunicazione pubblicitaria e politica, ha lavorato ad entrambe le vittorie elettorali di George W Bush. Subito dopo la seconda, Christian Rocca riferì che McKinnon aveva “affisso un cartello alla porta del suo ufficio, che diceva: "G.T.T.". Le iniziali stanno per Gone to Texas, Andato in Texas, un segno che nell’Ottocento era ricorrente scorgere sulle baracche abbandonate degli Stati del South West”.
Ma dal suo Texas è presto riemerso: nel 2007 è stato uno dei più stretti collaboratori di John McCain. Ha fatto parte dei cosiddetti “cinque di Sedona”, la ristretta cerchia di fedelissimi che non hanno abbandonato il senatore dell’Arizona nemmeno nel momento più difficile della campagna preliminare alle primarie.
Poi, nel maggio del 2008 ha lasciato la campagna di McCain perché apprezzava il “grande messaggio” che sarebbe venuto dall’elezione di Barack Obama, e non intendeva lavorare contro un simile avversario.
Oggi presiede un’agenzia che si chiama Maverick Media, e ho detto tutto.

Ebbene: lunedì su “The Daily Beast” McKinnon ha stilato una classifica de “Le 10 migliori mosse che Obama ha sin qui azzeccato, e le 5 peggiori errori sulle quali è scivolato”.

Rispettivamente:

10: Essersi inserito nella vita sociale di Washington, facendosi vedere spesso in giro ed evitando saggiamente di rinchiudersi nella torre d’avorio della Casa Bianca;
9: Aver sdrammatizzato sarcasticamente la tendenza un po’ isterica di alcuna città USA (tra le quali Washington) a considerare le grandi nevicate invernali come una calamità di fronte alla quale chiudere le scuole;
8: Aver invitato alla Casa Bianca alcuni repubblicani, e aver pranzarto a casa dell’intellettuale conservatore George Will assieme ad alcuni noti opinionisti neocon: il nemico viene scaltramente coccolato anziché tenuto alla larga;
7: Blocco degli stipendi dello staff della Casa Bianca, per dare il buon esempio in tempi di crisi: l’ “antipolitica” può essere ben utilizzata dai politici…
6: Aver confermato il ministro della difesa di Bush, Robert Gates, prendendo tre piccioni con una fava: accreditarsi come presidente bipartisan, dimostrare all’ala sinistra del partito democratico di avere la “schiena dritta”, e dare nel mondo un segnale di non aver nessuna intenzione di alzare bandiera bianca in Iraq;
5: L’aver introdotto parziali incompatibilità tra la professione di lobbysta e la partecipazione allo staff della Casa Bianca;
4: L’aver preso Hillary Clinton come Segretario di Stato, riuscendo così al contempo a neutralizzare la propria principale rivale e a riconciliarsi con l’elettorato clintoniano;
3: L’aver tenuto un pranzo in onore dello sconfitto John McCain, coprendolo di elogi, e confermando così la possibilità che quest’ultimo faccia da pontiere al Senato tra la nuova amministrazione democratica e l’opposizione repubblicana (ieri sullo stesso sito un altro commentatore sottolineava che Old John si accinge a dare dura battaglia al Senato alla manovra anticrisi voluta dalla nuova amministrazione, e anche per questo non potrà essere tacciato di intelligenza con il nemico, ma si avvierà a distinguersi come “il leader di fatto dell’opposizione, un gigante in un partito di pigmei”; per la cronaca, oggi il blog di TIME segnala che McCain si accinge addirittura a lanciare una campagna di mobilitazione contro la manovra).
2: L’aver concesso la sua prima intervista come “Commander in Chief” alla TV araba Al Arabiya, gesto simbolico distensivo per tentare un recupero di immagine degli USA in Medio Oriente;
1: L’aver messo in scena la spettacolare cerimonia di inaugurazione, che McKinnon (da ex musicista mai pentito) definisce entusiasticamente “una Woodstock dei nostri tempi” (sottolineando, però, che le immagini dello show resteranno sì a lungo impresse, ma nessuno si ricorderà il discorso del Presidente, che invece è stato ben al di sotto delle aspettative – e noi qui non possiamo che concordare, anche con le nostre facili previsioni).

Veniamo agli errori:

5: Il malaccorto tentativo di piazzare il governatore del New Mexico (e supertrombato alle primarie democratiche) Bill Richardson come ministro del Commercio, tentativo abortito per via di un’inchiesta per corruzione nei confronti dell’interessato (alla fine quel posto andrà al senatore repubblicano liberista Judd Gregg, una scelta imprevista che ha spiazzato tutti ed aiutato un po' a far dimenticare la figuraccia);
4: Non uno ma due casi di importanti aspiranti ministri sputtanati da problemi di evasione fiscale, così tipici dei furbetti dell’estabilishment e così poco “change-we-can-believe-in”: Tim Geithner, candidato al ministero del tesoro (proprio quello che gestisce i denari delle tasse!...) e screditato dal fatto di aver “dimenticato” di versare 140.000 dollari di tasse per l'uso di una macchina e di un autista messi a sua disposizione da una società privata per cui lavorava come consulente; e Tom Daschle, ministro alla sanità in pectore (nonché guru politico di Obama sul welfare, in procindo di divenire regista plenipotenziario della annunciata, storica, fatidica Grande Riforma del sistema sanitario USA), che ha sistemato (pagando) solo un mese fa un problemino di appena 400mila dollari per alcuni anni di evasione fiscale. Dopo giorni e giorni di disdicevoli polemiche, Daschle ha rinunciato alla nomina poche ore fa. Non è un risultato commovente, anche perché Bush, ricorda McKinnon, cacciò Linda Chavez per molto meno - e per di più ora vi è il rischio che si apra una zuffa nel partito per accaparrarasi quel posto tanto prestigioso quanto delicato (Karen Tumulty di TIME suggerisce che Obama si attenga allo stesso copione del caso Richardson, nominado, a sorpresa, Mitt Romney - ma, francamente, ci sono già tre repubblicani in questo nuovo governo democratico, e pare davvero improbabile che si possa infilarci un quarto...). E per di più, rincara la dose McKinnon in un nuovo pezzo stasera, Obama avrà ora il suo bel da fare a spiegare perché Daschle sì e Geithner no (DAY-AFTER UPDATE 4 Feb: oggi, ancora sul DalyBeast, due premi Pulitzer spiegano perchè secondo loro il caso Geithner è addirittura peggiore di quello Daschle);
3: le benemerite nuove regole sulle incompatibilità dei lobbysti hanno già subito un paio di vistosi “strappi”, e ciò non è né bello né buono, certe cose o le fai bene o non le fai;
2: la pessima idea di consigliare ai parlamentari repubblicani di smettere di ascoltare il faziosissimo (e popolarissimo) polemista radiofonico conservatore Rush Limbaugh, mossa goffa e controproducente che ha generato prevedibilissime polemiche;
1: L’errore peggiore, secondo McKinnon, consiste nell’aver mandato in parlamento una manovra anticrisi decisamente pessima, roba di bassa lega, che “più sta sotto la luce del sole, più puzza”, roba a favore della quale non un solo senatore repubblicano si è sentito di votare, e che se non verrà migliorata potrebbe subire analogo destino alla Camera.

Sia messo a verbale.

4 commenti:

Mattia Magrassi ha detto...

devo dire che questo Mark McKinnon è un tipo molto interessante... Le motivazioni con cui ha abbandonato la campagna di McCain mi intrigano... o è solo un furbone?

Il piano anticrisi in effetti "più sta sotto il sole, più puzza"; un esempio è il caso della clausola "Buy American" contenuta nel piano anticrisi.
La chicca è che Obama ha detto: "dobbiamo stare attenti a non dare un messaggio di protezionismo".
Potrebbe essere questa una delle cifre della presidenza Obama: il tentativo, con abile marketing, di distinguere il "messaggio" dalla concreta azione politica?

ale tap ha detto...

mattia, sulle motivazioni delle dimissioni di McKinnon dal team McCain posso solo riferire che
1) erano state poste come precondizione nel momento stesso in cui accettò di lavorare per la candidatura del senatore dell'Arizona (ovviamente per l'eventualità che in campo avverso l'avesse spuntata Obama e non Hillary);
2) sono scattate in un momento in cui la sconfitta di McCain era tutt'altro che scontata (dopo che, come ho ricordato, il nostro aveva tenuto duro nei momenti più difficili).

Quanto al "messaggio di protezionismo" nello stimulus bill, ho letto oggi che Obama ha chiesto di eliminare dal testo le espressioni di tenore protezionistico. Quindi, per l'appunto, una attenzione per il messaggio, cioè per la forma. Sembra proprio che tu abbia ragione, purtroppo...

Phastidio ha detto...

La partenza è piuttosto negativa, debbo dire. Il rischio molto alto è quello di un deficit di leadership di Obama, che infatti oggi sta già tuonando contro la catastrofe. Ma deve darsi una mossa, qui non siamo nel mago di Oz...

Patrizio ha detto...

....è politica!spererei in un Obama italiano ma non c'è. Complimenti per il Blog.
Patrizio

Wikio

http://www.wikio.it